News

Usa. Il mercato degli e-book perde 300 milioni a causa della pirateria

4 settembre 2019

Negli Stati Uniti la pirateria degli e-book è costata agli autori e agli editori oltre 300 milioni di dollari di vendite perse nel 2018. A scriverlo è Michael Kozlowski su goodereader.com. Gli e-book piratati, fino a qualche anno fa scaricati quasi esclusivamente dai siti afferenti alla rete BitTorrent, vengono oggi acquisiti anche attraverso servizi molto più intuitivi e user friendly. E se – come spesso e a ragione si sostiene – uno dei disincentivi principali alla pirateria può provenire proprio dalla scomodità del servizio pirata, e dal contraltare di un’offerta legale equa nel prezzo e facilmente accessibile, oggi lo scenario – almeno quello statunitense – sembrerebbe in parte mutato.

Esistono infatti app che consentono agli utenti, dietro il pagamento di un abbonamento mensile irrisorio, di scaricare tutti i libri pirata che desiderano. Un vero e proprio mercato nero, talvolta indistinguibile (o difficilmente distinguibile) dalle piattaforme e dai servizi legali, tanto che gli utenti meno esperti potrebbero non avere la precisa contezza di star scaricando e fruendo di contenuti illegali.

All’evoluzione, per così dire, «smart» della pirateria continua ad affiancarsi la popolarità dei forum e dei siti web che fanno da porta d’accesso ai contenuti sulla rete BitTorrent. «La questione cruciale è che molti di questi si trovano su server esteri – scrive Kozlowski – quindi anche l’azione legale è difficile».

L’Intellectual Property Office britannico stima che il 17% degli e-book circolanti in Uk venga acquisito illegalmente. Generalmente, i pirati tendono ad appartenere a gruppi socioeconomici abbienti e hanno un’età compresa tra i 30 e i 60 anni. Molti usano i social media per chiedere consiglio su dove spostarsi quando il loro sito pirata di fiducia viene chiuso.

Secondo una ricerca di GfK relativa al mercato tedesco, è solo il 10% degli e-book presenti sui device di ciascun utente a essere stato legittimamente acquistato. Qualcosa di simile avviene nei Paesi Bassi dove, a fronte di una media di 117 e-book scaricati per e-reader, solo 11 risultano acquisiti attraverso circuiti legali. In Russia, infine, è il 92% dei lettori di e-book ad aver letto almeno una volta un contenuto piratato nell’ultimo anno.

di Alessandra Rotondo


Questo è un articolo del Giornale della Libreria

Archivio news

23 ottobre

Emi Ligabue firma la nuova immagine della fiera

L'illustratrice mantovana ha voluto dare risalto alla Nuvola cercando di raccontare, al tempo stesso, il piacere della l...

Leggi tutto
23 ottobre

I confini dell’Europa: il tema dell’edizione 2019

Quest'anno la Fiera compie diciotto anni, un traguardo importante, che non poteva che essere celebrato con la scelta di ...

Leggi tutto
22 ottobre

Rendere visibile ciò che è invisibile ai più. I primi 25 anni di Terre di mezzo

«Siamo nati 25 anni fa con l’obiettivo di fare informazione sulle città nascoste, quelle della marginalità sociale ...

Leggi tutto
17 ottobre

Accrediti Professionali: sono aperte le procedure online

Da oggi è possibile accreditarsi come Professionali per l'edizione 2019 di Più libri più liberi.

Leggi tutto

La fiera

Più libri più liberi è la fiera di Roma dedicata esclusivamente all'editoria indipendente: cinque giornate dove scoprire le novità e i cataloghi di oltre 500 editori, incontrare autori, assistere a performance musicali, reading e dibattiti. Un'occasione da non perdere per lettori e addetti ai lavori.

Scopri di più

Promossa da

Sostenuta da

Con il contributo di

In collaborazione con

AIE è anche