News

Mercato editoriale. Come si sta concludendo il 2018

20 dicembre 2018

Dopo tre anni di crescita del mercato – senza però recuperare ancora i valori del 2009, cioè l’anno che precedette il lungo periodo di restringimento del mercato – e a otto settimane dal Natale il dato rilevato da Nielsen è che le vendite a valore (e a prezzo di copertina) fanno segnare un -0,9%.

È possibile fare alcuni ragionamenti, però, sui dati Nielsen, spacchettandoli per macro settori. Quello che emerge nettamente all’interno di una contrazione più generale sono due fattori. Il primo è il (leggero) +0,1% della narrativa italiana. Dall’altro il calo sostanzioso di quella straniera: -7,4%.

Se dietro c’è forse il lento cambiamento nei gusti dei lettori e senz’altro anche l’assenza di bestseller e casi editoriali importanti come quelli degli anni scorsi, c’è anche un dato congiunturale: i dati sono parziali e escludono l’ultimo mese dell’anno, un mese che esercita sempre i suoi effetti sui dati totali dell’anno. Ma non solo, oltre all’assenza di un bestseller, il calo è senz’altro dovuto anche a una crisi della Gdl. Perché quel -3,3%, senza la Gdo, diventa un -1,8%; quasi si dimezza. E il best seller ha (o ha avuto) proprio nella Gdo il suo canale d’elezione.

A questo va ad aggiungersi la chiusura di Mach2 libri che ha lasciato scoperto per circa quattro mesi i punti vendita serviti da questo distributore, che normalmente raggiunge 900.000 acquirenti di libri che comprano solo nella Gdo e con una spesa media di poco superiore a 29 euro/anno. Acquirenti che, per la quota servita da Mach2, non hanno potuto comprare: sono 5-6 milioni di euro che possiamo stimare persi nel periodo di assenza di servizio.

Un’altra ragione è senz’altro legata alle sovvenzioni: l’App18 quest’anno – contrariamente al 2017 – non ha ancora potuto dispiegare appieno le sue potenzialità. A giugno 2018 ben il 68% della spesa disponibile era stata spesa dai neo-diciottenni per compare libri.

Infine, bisogna guardare al consumatore. Stiamo, infatti, entrando in un contesto dei consumi meno favorevole rispetto a 12 mesi fa: Istat certifica un -0,1% nelle spese delle famiglie e a novembre una flessione dell’indice di fiducia dei consumatori che scende da 116,5 a 114,8.

Osservatorio sulle nuove forme di consumo editoriale e culturale

In questo contesto, la piccola editoria fa registrare un andamento in controtendenza: a valore +2,2% e a copie con un +1,2% (senza Amazon e Gdo che, continuando in larga parte a rilevare il sell out a fascia di prezzo, impedisce analisi puntuali e solo stime). L’effetto congiunto della crescita delle copie e del prezzo (+1% e con un prezzo medio del venduto a prezzo di copertina di 16,61 euro, che è del 20%-21% superiore a quello della media del mercato) fa sì che il comparto nel suo insieme rappresenti oggi il 41% dei canali trade (librerie e altri store online, anche se con l’eccezione di Amazon).

C’è un altro elemento che emerge se proviamo a scomporre il comparto: la piccola e media editoria si divide nettamente in due fasce. Nella fascia alta abbiamo un gruppo di piccoli e medi editori che arrivano a vendere fino a mille copie (meno del 3% dei titoli venduti in almeno una copia). Dall’altro, un 85% di titoli pubblicati da piccoli editori che non arriva a venderne più di 100. Ovvero il primo 10% dei marchi che compongono la piccola editoria (fino a 10 milioni di fatturato e non controllati da gruppi) realizzano il 69% del mercato al periodo P11.

Le politiche messe in campo da AIE – Associazione Italiana Editori nei decenni scorsi – a cominciare da Più libri più liberi, passando per i fellowship, gli stand collettivi alle fiere estere, le missioni, i corsi di aggiornamento, il lavoro con alcune università sulla formazione in ingresso – è (credo) in parte causa positiva di questo processo di crescita di alcuni marchi. Certo, poi conta la sapienza editoriale, la capacità di creare competenze, riorganizzare mansioni, fare scouting editoriale. Ma è indubbio che quegli strumenti un qualche ruolo lo hanno avuto nel favorire la crescita. Di quali strumenti hanno bisogno oggi quelle imprese che stanno iniziando a intraprendere un percorso analogo di crescita?

C’è poi una domanda che ci chiediamo, avendo in mano dei dati parziali per questo anno: come si concluderà il 2018? Sappiamo dalla serie storica di Nielsen che le otto settimane conclusive dell’anno rappresentano circa il 24% delle vendite dell’anno.

Il sommarsi di questo dato di fatto ad altre condizioni relative ai canali porterebbe il mercato almeno ai confini di una terra positiva, con un -0,4%. Valore da cui non sono comprese, per esempio, le vendite fatte in occasione di manifestazioni culturali e fieristiche, come Tempo di libri, di Bookpride, del Salone di Torino e a Più libri più liberi. Ricordiamo che è il 4% dei lettori che afferma di aver comprato i suoi libri in occasione di queste manifestazioni, e l’indagine condotta lo scorso anno sul pubblico di Più libri arrivava a stimare sulle dichiarazioni degli intervistati un valore di vendita ampiamente superiore al milione di euro.

Le slide, presentate durante l’incontro A un mese dal Natale. Come si sta concludendo il 2018 che si è svolto a Più libri più liberi 2018, sono disponibili e liberamente scaricabili alla pagina dedicata all’evento, nella sezione Presentazioni di questo sito.

Di Giovanni Peresson


Questo è un articolo del Giornale della Libreria.

Archivio news

26 giugno

Il mercato dell’audiovisivo è sempre più digitale

Univideo ha pubblicato i risultati dell’indagine elaborata da Gfk sul mercato dell’audiovisivo italiano nel 2018...

Leggi tutto
18 giugno

Germania: i dati definitivi del mercato del libro nel 2018

Nei giorni scorsi sono stati pubblicati i dati definitivi del mercato editoriale tedesco nel 2018, dopo le anticipazioni...

Leggi tutto
13 giugno

Book Mirror. Quando il distopico incontra il mondo del libro

Negli ultimi anni molte case editrici hanno dimostrato di aver capito l’importanza di saper sfruttare a proprio vantag...

Leggi tutto
13 giugno

Se ti dico biblioteca, cosa pensi?

Qual è l’immagine che gli italiani hanno della biblioteca? Quali "parole" e quali mondi associano a essa? Cos’è la...

Leggi tutto

La fiera

Più libri più liberi è la fiera di Roma dedicata esclusivamente all'editoria indipendente: cinque giornate dove scoprire le novità e i cataloghi di oltre 500 editori, incontrare autori, assistere a performance musicali, reading e dibattiti. Un'occasione da non perdere per lettori e addetti ai lavori.

Scopri di più

Promossa da

Sostenuta da

AIE è anche