News

La sfida dell’internazionalizzazione a Più libri più liberi

9 novembre 2018

Con l’edizione 2018, saranno quattordici anni che il Fellowship Program – grazie anche all’intervento di ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e della Regione Lazio per il tramite di Lazio Innova – costituisce parte integrante di Più libri più liberi, interpretando il profilo più internazionale della fiera, quello più aperto al contatto con l’editoria globale e interessato a entrare in comunicazione con i suoi attori.

Per il terzo anno lo farà con il sostegno di ALDUS, la rete europea delle fiere del libro coordinata da AIE di cui Più libri è parte, che proietta il Fellowship – e la manifestazione tutta – in una sempre più accentuata dimensione europea e internazionale, capace di stimolare e attivare sinergie tra soggetti e Paesi diversi. E tra diverse realtà fieristiche.

La partecipazione al Fellowship, tradizionalmente aperta a editori stranieri e agenti letterari interessati a esplorare la piccola e media editoria del nostro Paese, ha da sempre l’obiettivo di stabilire contatti tra questi ultimi e gli editori italiani, per proporne opere e autori fuori dai confini nazionali. Assecondando una tendenza alla valorizzazione del Made in Italy (anche letterario) che sta riverberando effetti positivi sul nostro settore, soprattutto – ma non solo – riguardo alla narrativa.

Nel 2017 al Fellowship Program hanno partecipato 22 operatori stranieri – 20 aziende europee, una casa editrice turca e una indonesiana – e 45 italiani, che si sono incontrati in più di 350 appuntamenti vis-à-vis. Numeri in crescita rispetto alle edizioni passate, anche a quella 2016, quando i 15 operatori stranieri avevano incontrato le 40 realtà italiane in quasi 200 appuntamenti. E crescente è stato anche l’interesse dimostrato dai partecipanti stranieri, che hanno sottolineato come il Fellowship sia uno strumento fondamentale per conoscere i cataloghi e instaurare rapporti con le case editrici indipendenti italiane. Rapporti che spesso, anche a distanza di anni, sfociano nella pubblicazione di un libro.

Per quest’anno, Più libri più liberi ha sviluppato un percorso orientato all’internazionalizzazione della piccola e media editoria più completo e articolato del consueto programma di scambio di diritti, di cui il Rights Centre, operante nei giorni 5 e 6 dicembre, raccoglie e potenzia l’eredità. Allestito in forma completamente rinnovata nel cuore de La Nuvola, al piano N5, ospiterà una trentina di operatori stranieri provenienti da 21 Paesi: Canada, Cina, Colombia, Repubblica Ceca, Egitto, Francia, Germania, Indonesia, Giappone, Lituania, Messico, Norvegia, Portogallo, Romania, Russia, Spagna, Svezia, Turchia, Ucraina, Regno Unito, Usa.

Il 3 e 4 dicembre, inoltre, un gruppo di sette operatori stranieri sarà coinvolto in un programma di visite a case editrici e librerie per un focus sui libri per bambini e i comics, che vedrà la collaborazione – visto l’argomento – della Bologna Children’s Book Fair. Nelle prossime edizioni di Più libri, altri segmenti editoriali verranno esplorati e altre partnership potranno essere attivate, in una logica di collaborazione e interscambio.

Lo sguardo sempre più internazionale che Più libri e la piccola e media editoria vanno assumendo in questi anni è confermato anche dal programma di convegnistica professionale della fiera, che si aprirà con un momento di confronto tra editori ed editorie europee su tematiche e sfide trasversali e comuni. Né mancherà un’occasione di riflessione – dati alla mano: sarà anche l’occasione per presentare i primi risultati dell’indagine sulla compravendita con l’estero dei diritti di edizione tradizionalmente realizzata da AIE – su come mai l’editoria italiana piaccia sempre di più oltre i nostri confini.

Informazioni più puntuali sui singoli incontri verranno comunicate con i prossimi numeri della newsletter dedicata al pubblico professionale di Più libri più liberi.

di Alessandra Rotondo


Questo è un articolo della newsletter di Più libri più liberi a cura del Giornale della Libreria, per consultarla clicca qui.

Archivio news

18 giugno

Germania: i dati definitivi del mercato del libro nel 2018.

Nei giorni scorsi sono stati pubblicati i dati definitivi del mercato editoriale tedesco nel 2018, dopo le anticipazioni...

Leggi tutto
13 giugno

Book Mirror. Quando il distopico incontra il mondo del libro

Negli ultimi anni molte case editrici hanno dimostrato di aver capito l’importanza di saper sfruttare a proprio vantag...

Leggi tutto
13 giugno

Se ti dico biblioteca, cosa pensi?

Qual è l’immagine che gli italiani hanno della biblioteca? Quali "parole" e quali mondi associano a essa? Cos’è la...

Leggi tutto
4 giugno

I numeri dell’editoria nel 2019, cresce il fatturato ma calano le vendite

“Siamo un’industria solida, la prima industria culturale del Paese, ma continuiamo a camminare su una

Leggi tutto

La fiera

Più libri più liberi è la fiera di Roma dedicata esclusivamente all'editoria indipendente: cinque giornate dove scoprire le novità e i cataloghi di oltre 500 editori, incontrare autori, assistere a performance musicali, reading e dibattiti. Un'occasione da non perdere per lettori e addetti ai lavori.

Scopri di più

Promossa da

Sostenuta da

AIE è anche