News

Il programma professionale giorno per giorno. Venerdì 8 dicembre

17 novembre 2017

Librerie e nuove fasce di pubblico, internazionalizzazione, tecnologie: continuano a essere questi i temi che tengono assieme il programma professionale 2017 di Più libri più liberi, come già avevamo visto con gli incontri di mercoledì 6 dicembre e con quelli di giovedì 7.

Si conferma l’attenzione verso questi temi anche nei cinque incontri professionali previsti per venerdì 8 dicembre 2017.
Si comincia accendendo un riflettore sul pubblico prescolare e delle fasce più giovani di età (assai poco indagate e conosciute): La risorsa piccolo lettore (dalle 10.30 alle 11.20 in Aldus Room, piano mezzanino). Un segmento quello dei 3-5 anni poco conosciuto e il cui profilo verrà delineato per la prima volta in occasione di questo incontro attraverso i dati di un’indagine ISTAT. In generale in Italia il mercato e le librerie (sia indipendenti che di catena) sono stati aiutati ad affrontare la crisi di questi anni dalla risorsa rappresentata dai piccoli lettori: il mercato ragazzi italiano è andato meglio rispetto alla media del settore perché gli editori (e i piccoli in primo luogo) hanno sviluppato collane per nuove fasce di età e nuovi generi, puntando ad autori, illustratori, e grafiche di qualità. Un’offerta di eccellenza che si proietta anche sui mercati internazionali.

Di librerie, anche se da una diversa prospettiva si parlerà in un altro incontro della giornata: Le librerie che tengono assieme le città (in collaborazione con Roma Tor Vergata; si svolgerà dalle 12.30 alle 13.20 in Aldus Room, piano mezzanino). Il tessuto commerciale delle grandi città si è profondamente trasformato in questi anni dalla chiusura degli esercizi di vicinato, piccole botteghe artigiane a cui sono subentrate insegne di moda e abbigliamento, arredo per la casa, ristorazione. E le librerie sono state coinvolte pesantemente in questo processo. Alla contrazione del canale a favore delle catene editoriali e dell’e-commerce si è aggiunta poi la crescita dei valori del mercato immobiliare. Roma è un buon punto di osservazione di questo processo, anche dal punto di vista culturale. La crescita e la qualificazione dei tessuti urbani non può che passare attraverso politiche capaci di favorire lo sviluppo di un retail moderno, fondato sulla diversità come elemento di ricchezza e di coesione sociale del tessuto urbano: nei centri storici come nelle periferie. E in tutto ciò le librerie devono poter giocare un proprio ruolo con politiche specifiche di intervento.

L’altro filo rosso che si dipana nella giornata è quello dell’internazionalizzazione. In Italia come nel resto del mondo è necessario tradurre perché nessuna editoria può crescere in regime di autarchia e di muri. E le fiere con i loro rights center costituiscono i moderni bazar di scambio delle merci culturali. Ma per far viaggiare i libri occorre tradurli, soprattutto in un mercato che globalizzandosi ha incluso editorie e autori provenienti da Paesi un tempo ai margini dei grandi mercati occidentali del libro. Un incontro con le organizzazioni europee che supportano le traduzioni, attraverso specifici finanziamenti e progetti di promozione delle diverse letterature. Quali sono gli impegni economici messi in campo dai maggiori Paesi e le linee guida che a cui si attengono? E i piccoli e medi editori come sfruttano queste opportunità? A queste domande cercheranno di rispondere i partecipanti all’incontro Per far viaggiare i vostri libri (in collaborazione con ALDUS; si svolgerà dalle 11.30 alle 12.20 in Aldus Room, piano mezzanino).

L’incontro del pomeriggio sui Portali di scambio. Fiere del libro in America latina (in collaborazione con IILA -Istituto Latino Americano e ALDUS; si svolgerà dalle 14.30 alle 15.20 in Aldus Room, piano mezzanino) si propone di fornire ai partecipanti un quadro sulle opportunità che le fiere del libro offrono agli editori. Un’area geo-editoriale in cui la vendita e l’acquisto di diritti nei paesi dell’America latina sono cresciuti in modo significativo negli anni. In Italia, la stessa domanda di libri di narratori centro e sud americani sta conoscendo da alcuni anni una nuova stagione di interesse. Paesi che stanno affrontando importanti processi di trasformazione sociale e che perciò hanno necessità di avere nuovi prodotti culturali ed educativi per i loro cittadini. Un incontro in cui alcuni operatori di fiere del libro di Centro e Sud America presentano agli editori italiani le opportunità che i loro mercati offrono, anche in termini di vendita e acquisto di diritti, di promozione della lettura, di innovazione.

Infine le tecnologie, protagoniste di un workshop in lingua inglese organizzato da ARDITO: Control your content in the digital market place. ARDITO outreach conference (dalle 10.15-13.30 in Sala Fellowship). Sarà possibile partecipare dietro iscrizione, potete trovare maggiori informazioni sugli argomenti e le modalità di partecipazione a questo link.

L’autore: Redazione

AUTORE ARTICOLO


Questo è un articolo della newsletter di Più libri più liberi a cura del Giornale della Libreria, per consultarla clicca qui.

Archivio news

20 dicembre

Grande successo per la 17° edizione

Straordinario successo di pubblico per la diciassettesima edizione di Più libri più liberi, la fiera dedicata alla pic...

Leggi tutto
20 dicembre

Bookblogger ed editore: un dialogo basato sulla fiducia

La diciassettesima edizione di Più libri più liberi ha inaugurato una nuova iniziativa di AIE

Leggi tutto
20 dicembre

El Doctor Sax. Una casa editrice italiana (e beat!) a Valencia

Il tema del viaggio e della sua dimensione letteraria sono elementi che caratterizzano la produzione della casa editrice...

Leggi tutto
20 dicembre

Aspettavamo la rivoluzione dell’e-book e arriva quella dell’audiolibro

Il tema del viaggio e della sua dimensione letteraria sono elementi che caratterizzano la produzione della casa editrice...

Leggi tutto

La fiera

Più libri più liberi è la fiera di Roma dedicata esclusivamente all'editoria indipendente: cinque giornate dove scoprire le novità e i cataloghi di oltre 500 editori, incontrare autori, assistere a performance musicali, reading e dibattiti. Un'occasione da non perdere per lettori e addetti ai lavori.

Scopri di più

Promossa da

Sostenuta da

AIE è anche