News

Cosa vuol dire comunicare l’innovazione: Più libri più idee

27 ottobre 2016

Da sei anni Più libri più liberi ha una sua appendice, Più Libri Più Idee, che si svolge e si sviluppa nelle università di Roma e del Lazio, nella settimana precedente l’avvio della manifestazione fieristica. Le università coinvolte sono La Sapienza, LUISS, Tor Vergata, Università della Tuscia (Viterbo), Roma 3, e l’Istituto Europeo di Design.

La collaborazione con gli atenei non nasce dunque assieme all’idea fondante di Più Libri; ma si è integrata successivamente, nel momento in cui ci si è resi conto della necessità, per la fiera, da un lato di proiettarsi verso l’esterno e dall’altro di far comprendere meglio a chi sta completando il proprio percorso di studio in cosa consiste il lavoro dell’editore; e che l’editore – dato che i titoli pubblicati in Italia sono oltre 64 mila all’anno, ognuno diverso dall’altro – è necessariamente (geneticamente, potremmo dire) un imprenditore innovativo; che questa innovatività si regge sul concetto di proprietà intellettuale di chi crea il “prototipo” del prodotto su cui l’imprenditore-editore rischia il suo capitale investendo nell’acquisto di diritti; che questa innovatività ha assunto accelerazioni vertiginosi con l’avvento del web, dei social, della transmedialità; ma che innovatività non è necessariamente sinonimo di digitale (di cui pure è, in molte occasioni, una componente via via più importante).

Questi incontri – quest’anno ne sono previsti sei – sono rivolti agli studenti universitari dei corsi di editoria, comunicazione e grafica delle università di Roma e del Lazio, non solo come momento di presentazione e didattica ma anche come finestra sul lavoro dell’editore, che sia da stimolo ad esempio per percorsi di tesi o professionali nuovi.

Sei appuntamenti che precedono o (per la prima volta quest’anno) seguono la Fiera, pensati e organizzati esclusivamente per il mondo delle università. Oltre 500 giovani studenti universitari (il dato è dello scorso anno) si sono messi al lavoro durante l’ultima edizione sui temi legati al mondo del libro e della piccola editoria. E gli atenei romani daranno gli strumenti per lavorare su questo “mondo nuovo” che si sta aprendo – o che si è già aperto – per l’editoria libraria.

Il programma con gli eventi delle singole università saranno presentati, come la loro controparte professionale e fieristica, a partire dalle prossime settimane e sulla newsletter dedicata a Più Libri.


Questo è un articolo della newsletter di Più libri più liberi a cura del Giornale della Libreria, per consultarla clicca qui.

Archivio news

26 giugno

Il mercato dell’audiovisivo è sempre più digitale

Univideo ha pubblicato i risultati dell’indagine elaborata da Gfk sul mercato dell’audiovisivo italiano nel 2018...

Leggi tutto
18 giugno

Germania: i dati definitivi del mercato del libro nel 2018

Nei giorni scorsi sono stati pubblicati i dati definitivi del mercato editoriale tedesco nel 2018, dopo le anticipazioni...

Leggi tutto
13 giugno

Book Mirror. Quando il distopico incontra il mondo del libro

Negli ultimi anni molte case editrici hanno dimostrato di aver capito l’importanza di saper sfruttare a proprio vantag...

Leggi tutto
13 giugno

Se ti dico biblioteca, cosa pensi?

Qual è l’immagine che gli italiani hanno della biblioteca? Quali "parole" e quali mondi associano a essa? Cos’è la...

Leggi tutto

La fiera

Più libri più liberi è la fiera di Roma dedicata esclusivamente all'editoria indipendente: cinque giornate dove scoprire le novità e i cataloghi di oltre 500 editori, incontrare autori, assistere a performance musicali, reading e dibattiti. Un'occasione da non perdere per lettori e addetti ai lavori.

Scopri di più

Promossa da

Sostenuta da

AIE è anche